Museum Security Network

Fidelis, la Madonna recuperata dai Carabinieri è simbolo di coesione sociale

17/08/2017

La Madonna della Provvidenza, una statua in legno policromo e dorato, attribuibile al periodo intercorrente tra la fine XIV e gli inizi XV secolo, è tra le numerose opere di grande fascino artistico e culturale esposte sino al 10 settembre alla mostra Fidelis, allestita alla Caserma dei Carabinieri “Bonsignore-Dalla Chiesa” di Palermo, e voluta dall’Arma dei Carabinieri, con la produzione a cura generale della Fondazione Falcone, di First Social Life, l’associazione di promozione sociale voluta da First Cisl, e di Open Group.

Come tutti gli altri capolavori presenti alla rassegna palermitana, la statua testimonia l’enorme lavoro investivativo dei “Carabinieri dell’arte”. L’opera venne trafugata nell’ottobre del 1978 dalla Chiesa di Santa Maria Assunta di Tossicia , in provincia di Teramo. La scultura venne esportata illecitamente ed acquistata
presso una casa d’aste di Londra da un pittore anglo-brasiliano. Al momento della vendita il bene era stato dichiarato degli inizi del secolo XVII, di provenienza ispanica e non italiana. Nel 1994 in un programma
televisivo italiano dedicato all’artista anglo-brasiliano veniva ripreso lo studio londinese dell’artista ed in quell’occasione un cittadino di Tossicia, riconoscendo la statua rubata sedici anni prima dal suo paese, informò i Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale: l’artista, che in buona fede deteneva l’opera, fu convinto a restituirla alla comunità originaria. Un’operazione esemplare di coesione sociale tra la cittadinanza,
il proprio patrimonio culturale e l’Arma dei Carabinieri.

read more: http://www.firstcisl.it/2017/08/fidelis-la-madonna-recuperata-dai-carabinieri-e-simbolo-di-coesione-sociale/

Comments are closed.

%d bloggers like this: